L’acqua sulla Luna è dappertutto

Posted by

L’acqua sulla Luna è dappertutto, non confinata soltanto alle regioni polari o a particolari tipi di terreno come si credeva: lo ha scoperto la nuova analisi dei dati di due missioni lunari condotta dal Goddard Space Flight Center della Nasa e pubblicata sulla rivista Nature Geoscience. Se l’avqua fosse presente sulla Luna in grandi quantità e se fosse abbastanza accessibile, i futuri esploratori potrebbero utilizzarla come acqua da bere o convertirla in idrogeno e ossigeno per ottenere propellente per i razzi, o ancora in ossigeno respirabile. I ricercatori, guidati da Joshua Bandfield, dello Space Science Institute di Boulder, in Colorado, si sono basati sui dati raccolti fra il 2008 e il 2009 dalla missione indiana Chandrayaan-1 e dalla missione Lunar Reconnaissance Orbiter (Lro), lanciata dalla Nasa nel 2009. La prova principale della diffusione dell’acqua sul suolo lunare arriva dagli strumenti che hanno misurato con quanta intensità la superficie lunare rifletta la luce del Sole: quando è presente dell’acqua, si rileva una “firma” caratteristica emessa negli infrarossi. Tuttavia, l’acqua non è l’unica cosa presente sul suolo lunare che può emettere radiazione infrarossa, quindi la sfida sta nel riuscire a distinguere tra le varie fonti. A questo scopo i ricercatori hanno integrato le misurazioni fatte durante le due missioni con le informazioni sulla temperatura superficiale del suolo lunare, essenziali per distinguere gli infrarossi emessi dall’acqua da tutti gli altri. I dati suggeriscono che l’acqua presente sulla Luna possa essere indotta dal vento solare, ossia dagli sciami di particelle cariche scagliati dal Sole che colpisce la superficie lunare, ma non si esclude che possa provenire dall’interno della Luna stessa, rilasciata lentamente dalle rocce. (scienzenotizie)





ECHO-DISCOVERY by C.R.T.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *